Close

Termostato smart, come risparmiare sulle bollette con la domotica

Termostato smart, come risparmiare sulle bollette con la domotica

È possibile sfruttare la domotica per risparmiare sulle bollette? La risposta è sì: con una buona programmazione e un impianto funzionale il settore della building automation vi offre anche soluzioni per ottimizzare i consumi energetici domestici e degli edifici in generale; non è un caso infatti che nel Bonus Casa 2022 siano state incluse anche detrazioni al 65% per l’acquisto e l’installazione di sistemi di automazione.

Una di queste soluzioni è l’utilizzo di un termostato smart, una tipologia di prodotto di cui andiamo a parlare in questo approfondimento.

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere la poltrona per home cinema: modelli e accessori

Termostato smart: a che cosa serve

Con questo utile accessorio si ha la possibilità di ottimizzare l’impostazione per il riscaldamento e il raffreddamento delle stanze con scenari e orari specifici.

Gli impianti lavorano così a temperatura costante e per il solo tempo necessario, consentendo quindi di risparmiare energia e intervenire sulla regolazione della temperatura solo quando necessario, evitando quindi di entrare in funzione quando gli utenti non sono in casa e avendo le stanze già a un clima ottimale al proprio arrivo, con il massimo comfort quindi per tutti i componenti della famiglia.

Risparmi in autonomia

Un termostato smart è in grado di leggere in autonomia le situazioni in cui si necessita di intervenire sulla temperatura dell’impianto, e adottare tali cambiamenti in completa autonomia, abbassando o alzando strategicamente il clima anche di pochi gradi. Questo avviene comunque in relazione alle abitudini e alle impostazioni dell’utente, calcolando il momento esatto in cui apportare il cambiamento e non scontentando nessuno.

Controllo da remoto via app

La domotica però non è solo automazione e schemi variabili: un termostato intelligente consente ovviamente di controllare la temperatura anche in maniera attiva, intervenendo manualmente sul dispositivo, servendosi di un tablet o un’interfaccia locale, utilizzando gli assistenti vocali oppure controllandolo via app su smartphone ovunque voi siate.

In ogni caso avrete sempre il pieno controllo dell’utilizzo dell’impianto anche in situazioni straordinarie, con inoltre una lettura live dei consumi energetici della vostra abitazione e una possibilità di personalizzazione per il singolo utente.

Da dove partire

Per ottenere le migliori prestazioni in qualsiasi progetto di Smart Home, dai più piccoli ai più grandi, il consulto con un professionista della domotica è sempre caldamente consigliato. Quando si vanno infatti a integrare insieme più sistemi tra di loro è necessario ad esempio assicurarsi che i singoli elementi abbiano piena compatibilità tra di loro, comunicando quindi con un sistema operativo efficiente e in grado di evitare ogni conflitto tra gli strumenti e le tecnologie di terze parti, e ancora prevedere una connessione di rete di potenza adeguata, e garantire soprattutto la massima sicurezza.

Solo con un progetto ad hoc realizzato con la consulenza di una figura qualificata è quindi possibile fare un investimento intelligente e in grado di far fruttare un vero risparmio sul medio-lungo termine.

Maggiori informazioni? Contattate ora SmartDomo.

Related Posts